La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Puglia e Piemonte puntano su innovazione digitale e formazione per gli Its

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Puglia e Piemonte hanno scelto di porsi l’obiettivo comune di rafforzare l’offerta formativa e promuovere la sinergia tra i sistemi di alta formazione per gli Its. Sulla base di questo incipit, l’assessora regionale all’istruzione e formazione professionale del Piemonte, Elena Chiorino, ha esordito nel suo intervento al Forum Nazionale Rete ICT Sistema ITS svoltosi ieri, sabato 4 settembre, a Lecce.

L’assessora si è rivolto alla platea sottolineando l’importanza di costruire una sempre più stretta interconnessione tra imprese, poli di innovazione e sistemi di formazione che trasformi il Sistema ITS in Italia in un asset strategico per lo sviluppo dei sistemi produttivi locali con un approccio in grado di valorizzare le eccellenze e confermando come i corsi presentati dagli ITS siano un’alternativa in forte crescita tra i giovani che garantiscono quella professionalità e alta formazione sempre più richiesta dalle nostre aziende.

Chiorino ha poi ribadito come il sistema Piemonte stia diventando a tutti gli effetti un “modello” anche a livello nazionale, ne è un esempio la collaborazione tra ICT di Torino e l’Istituto di Lecce, attraverso una politica di visione proiettata al futuro, ma sostenuta nell’immediato da corsi qualitativamente elevati, per garantire un’offerta formativa capillare e flessibile che spazia tra le diverse aree tecnologiche collegate alle esigenze della filiera produttiva dando vita ad un sistema integrato e comunicante.

L’assessora ha portato ad esempio la filiera agroalimentare e del turismo che, viste le forti trasformazioni dei mestieri e del mercato del lavoro, stanno richiamando la necessità di maggiore competenza tecnologica, della meccatronica e della mobilità sostenibile: il mondo dell’impresa oggi esige competenze che siano sempre più complementari tra filiere produttive e a questa domanda i diplomati Its rappresentano la risposta immediata e corretta.

Chiorino ha poi concluso richiamando agli obiettivi che si sta ponendo Regione Piemonte, ovvero una maggiore flessibilità dei percorsi, la diversificazione dell’offerta formativa senza dimenticare le tematiche 4.0, green e circular economy, sviluppo sostenibile in un’ottica di integrazione con le politiche per l’innovazione e la ricerca con l’obiettivo di migliorare sempre di più il matching tra domanda e offerta di tecnici specializzati.

Una “rivoluzione piemontese” che parte da un’azione intrapresa convintamente dall’assessorato nei confronti degli Its: non vi saranno più corsi di formazione che non siano condivisi con le imprese del territorio e che non nascano dalla reale esigenza e puntuale quantificazione dei posti di lavoro che servono e per i quali i formati verranno assunti.

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.