Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[L’analisi] L’aumento delle alluvioni è conseguenza del cambiamento del clima

La crisi climatica è sempre più evidente, «gli eventi meteo eccezionali sono sicuramente più frequenti, e questo è dovuto al riscaldamento globale». Lo spiega Marina Baldi, climatologa del Cnr. «La siccità e le alluvioni sono fenomeni collegati. Le temperature elevate aumentano l’evaporazione e caricano l’atmosfera di umidità. Il mare si scalda e si carica di energia. Quando a settembre e ottobre arrivano le prime perturbazioni dall’Atlantico, raccolgono questa umidità e questa energia. Si formano celle temporalesche, che di solito si scaricano sul Tirreno, provocando alluvioni in Liguria, Toscana, Lazio e Campania. Stavolta la cella temporalesca ha passato l’Appennino ed è arrivata sulle Marche, dove già stava piovendo».

«Anche in passato c’erano precipitazioni così intense» prosegue Baldi, «ma avvenivano ogni 100 anni. Oggi si verificano ogni pochi anni. Per di più, il territorio è più fragile, perché cementificato e degradato. La quantità d’acqua che cade in un anno sull’Italia è come 50 anni fa. Ma è distribuita in modo diverso. Ci sono meno giorni di pioggia, ma in quelli piove in modo più violento. È dagli anni Settanta che registriamo questo fenomeno. Noi diciamo con una battuta “piove di meno, ma piove di più”» dice all’ANSA. 

Per la climatologa del CNR «è diventato difficile prevedere esattamente dove ci sarà la precipitazione eccezionale. Noi pensavamo che si sarebbe scaricata sul Tirreno. Infatti, c’era l’allerta arancione sulla Toscana, mentre sulle Marche era solo gialla. Stiamo lavorando per migliorare le nostre previsioni. Abbiamo sistemi per seguire le celle temporalesche, ma poi diventa difficile stabilire la destinazione finale, c’è un margine di errore. L’allerta gialla non significa che non c’è rischio». 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.