#Vetrine d'Italia - Le storie delle attività commerciali che ripartono

Federico Fubini (Corriere della Sera): «Per uscire dalla crisi, l’Europa ha bisogno di visione e determinazione»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«La pandemia ha distrutto un milione di posti di lavoro in Italia, sei in Europa e dieci negli Stati Uniti, ma non tutti stanno soffrendo allo stesso modo». Ne parla sul Corriere della Sera Federico Fubini.

«Negli Usa – spiega – l’occupazione è crollata tre volte più dell’attività economica, segno che i posti bruciati da Covid sono quelli meno pagati. Anche in Italia è andata così: si sono salvati gli istruiti e i protetti, non gli altri. Questa forbice che si apre nella società obbliga noi italiani e europei a chiederci qual è la nostra ambizione. A cosa aspiriamo, come collettività?».

Biden ha chiarito cosa vuole lui per gli Usa: non riportare il prima possibile l’economia ai livelli di prima della pandemia, ma ai livelli che l’America avrebbe avuto senza la pandemia. Il suo piano di stimolo da 1.900 miliardi di $ e un secondo in vista fino 3.000 miliardi per le infrastrutture hanno precisamente questo obiettivo. La Casa Bianca lo finanzierà prendendosi qualche rischio, ma usando fino in fondo il potere del dollaro, una moneta internazionale che tutti vogliono per commerciare e metterla nelle proprie riserve».

«Noi europei abbiamo l’altra grande moneta di riserva internazionale, ma non la stessa ambizione. Mancano in Europa la visione e la determinazione di Biden. Il Recovery Plan e la risposta della Bce alla pandemia dimostrano che ci siamo messi in cammino, eppure ancora esitiamo. La nostra psicologia non è cresciuta alle dimensioni della struttura globale che ci siamo dati. I dubbi che serpeggiano nella Bce sull’attuale ritmo di espansione monetaria rivelano qua e là una mentalità da piccolo Paese mercantilista, anche se abbiamo le leve di una grande valuta di riserva globale».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.