La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Claudio Cerasa (direttore Il Foglio): «Gli anti Green Pass non sono solo fascisti. Occorre una pacificazione, altrimenti corriamo rischi»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Anche Claudio Cerasa, direttore del Foglio, prende posizione sulla delicata vicenda del green pass obbligatorio da venerdì sui luoghi di lavoro e sulle proteste in atto nel Paese.

“Il green pass è oggettivamente uno strumento straordinario, unico ed eccezionale e costituisce allo stesso tempo un’avanguardia e un unicum in tutto il mondo. In nessun paese al mondo esiste un green pass come quello italiano, in nessun paese al mondo esiste un sistema che lega la retribuzione del proprio salario a un certificato di sana e robusta vaccinazione (e di sano e robusto tampone) e in nessun paese al mondo esiste un governo che ha trovato il coraggio di togliere le castagne dal fuoco alle proprie imprese imponendo per legge quello che molte aziende in giro per il mondo sono costrette a fare in modo autonomo: si lavora solo se vaccinati (o tamponati). E’ una scelta giusta quella del governo? Certamente sì”.

“Perché un governo che si preoccupa di trovare un modo per rendere il vaccino indispensabile senza dover arrivare alla forzatura di renderlo obbligatorio è un governo che si preoccupa di proteggere le libertà dei cittadini più di quanto non lo facciano coloro che considerano l’obbligo di green pass una minaccia insopportabile al proprio libero arbitrio”.

“Ma se si accetta di fare un passo in avanti per affrontare la complessità del quadro che si ritroverà di fronte il governo nei prossimi giorni è necessario chiedersi se non abbia ragione Beppe Grillo, che Dio ci perdoni, quando arriva a dire che la politica italiana dovrebbe prendere in seria considerazione l’opzione della pacificazione con gli avversari del green pass”.

“Al momento, i numeri che conosciamo, e che si presentano in modo dirompente di fronte agli occhi dei ministri, sono questi. Il numero complessivo di occupati, in Italia, si aggira attorno ai 22.783.000 (compresi gli autonomi). Tra questi, i lavoratori dipendenti sono circa 17.847.000. Nelle pubbliche amministrazioni, i dipendenti sono circa 3.200.000. I lavoratori dipendenti impegnati nel privato sono circa 14,6 milioni. La stima fatta dal governo è che i dipendenti pubblici non ancora vaccinati siano circa 250 mila. Mentre i lavoratori dipendenti non ancora vaccinati sono 2,2 milioni”.

“In tutto, dunque – scrive Cerasa sul suo editoriale – ci sono circa 2,5 milioni di lavoratori non vaccinati. E il tema dunque è tutto qui: si possono trattare questi lavoratori come se fossero tutti degli iscritti a Forza nuova? Oppure in virtù di una condizione oggettivamente eccezionale (no green pass uguale no stipendio), che si verifica in una condizione altrettanto eccezionale (no green pass uguale più contagi) all’interno di una condizione ancora più eccezionale (più contagi uguale più emergenza uguale meno libertà), occorre mettere da parte i propri dogmi e occuparsi semplicemente di come far funzionare al meglio un provvedimento giusto ma inevitabilmente divisivo, esplosivo e dunque dirompente?”

“Avere scelto la linea intransigente sul green pass, anche se non ha portato all’accelerazione finale che il governo sperava, è stata una scelta molto saggia che ha contribuito a rendere l’Italia uno dei paesi più vaccinati d’Europa e uno dei paesi più all’avanguardia nel contenimento della pandemia” spiega Cerasa.

“Ma scegliere di trattare il partito del No green pass come se fosse una semplice costola di Forza nuova sarebbe un modo molto pericoloso di affrontare i mesi che verranno”.

“Dunque, che fare? Arretrare sul green pass? Ovviamente no. Tentare di costruire una pacificazione con i No green pass mettendo le aziende in condizione di pagare loro i tamponi di coloro che non si sono vaccinati? Forse sì”.

“I tamponi costano, è vero, e tamponare tutti i lavoratori non vaccinati da qui a fine anno può costare fino a un miliardo, ma lavorare alla pacificazione è forse ancora più importante e mettere in campo un ulteriore whatever it takes da qui a fine anno per avere un paese adulto, sereno e vaccinato è una priorità che viene forse prima di qualsiasi dogma”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.