Stefano Cao (AD Saipem): «La pandemia ha riportato i conti in rosso, ma confidiamo in una ripresa nel breve termine»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Un anno di pandemia ha riportato in rosso i conti di Saipem, dopo l’utile riconquistato nel 2019. È l’amara constatazione dell’Amministratore Delegato Stefano Cao, che ricorda come a fine 2019 la musica fosse ben diversa.

Dal ritrovato utile di 12 milioni, Saipem è passata ad una perdita netta di 1,13 miliardi a fine 2020, seppure a seguito di oneri e svalutazioni per 868 milioni di euro, con un risultato netto rettificato negativo per 268 milioni.

Nel 2019 era in attivo per 165 milioni, mentre la perdita del quarto trimestre è stata di 58 milioni. In calo da 9 a 7,34 miliardi i ricavi preliminari, ma Cao vede una «luce in fondo al tunnel» con i nuovi ordini per 8,65 miliardi, a fronte dei 17,63 miliardi del 2019, che fanno salire il portafoglio residuo da 24,77 a 25,29 miliardi, incluse le società non consolidate.

In calo rispetto al terzo trimestre l’indebitamento finanziario netto, sceso a 872 milioni di euro ante Ifrs 16 e a 1,2 miliardi post Ifrs 16, a cui si associa una disponibilità di cassa “robusta” per oltre 2 miliardi di euro.

Secondo Cao, Saipem è «ben posizionata per una ripresa nel breve termine guidando un nuovo paradigma dell’energia». «Non c’è transizione energetica senza il gas, dove abbiamo una posizione importante – aggiunge – e siamo in una posizione leader verso l’energia verde e le infrastrutture».

Nel 2020, spiega, il Gruppo ha saputo resistere agli effetti della pandemia «preoccupandosi prima di tutto della salute dei propri dipendenti e della tenuta della struttura finanziaria». «Abbiamo ridotto costi per 190 milioni e gli investimenti per 280 milioni», afferma, precisando che questi non scompaiono dal piano ma sono solo rinviati.

Nel frattempo, Saipem si è preparata per la tanto attesa ripresa economica, che la vedrà in una «posizione privilegiata per concorrere da protagonista all’acquisizione dei nuovi progetti green e infrastrutturali».

Per ora ha avanzato «proposte concrete all’interno dei piani di ripresa supportati dal Next Generation Eu», ma da tempo è impegnata nella transizione energetica e nella diversificazione e nel 2020 ha chiuso il 90% dei nuovi contratti slegandoli dal prezzo del petrolio.

In agenda anche l’acciaio verde in squadra con Danieli e Leonardo. Saipem è inoltre pronta a proporre all’estero un progetto come il tunnel sottomarino galleggiante per l’attraversamento dello Stretto di Messina, ma la Borsa, distratta forse dal rosso e dal prezzo del greggio, ha abbassato il pollice, decretando un calo del titolo del 9,28% a 2,39 euro, riportandolo al livello dello scorso 14 gennaio.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.