Il Think Tank quotidiano dove la classe dirigente si confronta sulla Ripartenza

Francesco Somma (Presidente Confindustria Basilicata): «Se l’alta velocità si ferma a Salerno, è una vergogna per tutta l’Italia»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

“Il Pnrr può rappresentare la grande occasione per recuperare il profondo gap digitale dell’Italia in Europa e del Sud in Italia, e scongiurare il grave rischio che si ripetano i profondi divari territoriali che si sono verificati rispetto alle infrastrutture materiali”.

Lo ha dichiarato il presidente di Confindustria Basilicata, Francesco Somma, intervenuto nel grande evento nazionale di Confindustria sulla coesione territoriale “Sud e Nord insieme verso l’Europa” a Napoli, nel corso della tavola rotonda sulla transizione digitale che lo ha visto a confronto con il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, il presidente di Confindustria Emilia Romagna, Pietro Ferrari, e il sottosegretario Assuntela Messina.

”Grande responsabilità hanno le classi dirigenti”, ha aggiunto, specificando però che è sbagliato attribuire il ritardo di sviluppo del Sud alla sola incapacità di spesa delle regioni meridionali. ”Se l’alta velocità si ferma a Salerno – ha aggiunto – non è solo un problema di quello che non hanno saputo fare regioni come la Basilicata o la Calabria, ma una vergogna e basta per tutto il Paese. Per questo siamo convinti che il criterio dei bandi per l’assegnazione delle risorse del Pnrr vada contemperato da meccanismi doverosamente compensativi”.

Per il presidente di Confindustria Basilicata, ”il Paese ha bisogno di riportare la politica industriale al centro dell’agenza del Governo nazionale. E’ altrettanto necessario colmare il vuoto di competenze – ha detto Somma – che penalizza fortemente le imprese e anche la pubblica amministrazione. Basti pensare che solo l’1 per cento dei laureati italiani è in possesso di una laurea in discipline di Information and Communication Technology. Non possiamo non porci il tema di come affiancare il capitale umano alla tecnologia dei servizi digitali in un Paese che è ultimo in Europa per competenze specialistiche”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.