La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Claudio Pica (presidente Fiepet-Confesercenti): «Turismo in caduta libera: la pandemia ha interrotto il flusso dei turisti»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le città d’arte sono state colpite in modo particolare dalla pandemia, che ha interrotto il flusso di turisti, e non ci sono elementi incoraggianti per sperare in una pronta ripresa del turismo. Questo secondo quanto afferma Claudio Pica, presidente della Fiepet-Confesercenti di Roma e Lazio e vicepresidente Confesercenti nazionale. «Ad oggi non vi è nessun dato incoraggiante che auspichi la ripresa del turismo nella Capitale d’Italia. Le città d’arte, quindi in primis Roma, soffrono dell’effetto pandemia e quindi dei flussi turistici di grande scala».

«Un segno negativo che, soprattutto in questi ultimi 10 giorni, pesa sia sulle strutture ricettive, hotel e alberghi, che sul segmento della ristorazione e dei bar che perdono complessivamente oltre il 15% dal 7 agosto scorso. Con il turismo in caduta libera, il 40% degli esercenti che svolgono attività di somministrazione hanno quindi preferito rimanere chiusi per poi riaprire la settimana successiva».

«Bisognava intervenire, e per tempo, rilanciando il turismo di prossimità per intercettare il turismo locale più sensibile, e maggiormente disposto, ai piccoli e veloci spostamenti. Inoltre, va detto che servono fondi del Pnrr per avviare nuovi progetti di rilancio delle infrastrutture a Roma» conclude. «I primi soldi sono arrivati ma quanti sono per la vera ripartenza della Capitale?».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.