La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Paolo Gallo (AD Italgas): «Per la ripartenza dell’Italia è essenziale una transizione burocratica»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Perché l’Italia riparta è «essenziale» una «transizione burocratica per semplificare le procedure». L’ha detto in un’intervista a Class CNBC Paolo Gallo, l’Amministratore Delegato di Italgas che, per quanto riguarda il suo settore, ha auspicato un’accelerazione delle gare gas.

«La transizione burocratica è essenziale per semplificare le procedure in modo da aiutare tutto il Paese a ripartire», ha detto Gallo in occasione della presentazione dei risultati del primo trimestre 2021 di Italgas. «Da questo punto di vista – ha proseguito – l’accelerazione delle gare gas aiuterebbe l’intero settore a investire potendo contare su un effetto moltiplicatore che nella distribuzione del gas è di 3,3».

«Siamo ottimisti per il prosieguo perché, anche al netto degli interventi di accelerazione, abbiamo già notato in questi primi mesi una certa vivacità dalle stazioni appaltanti. Del resto, se vogliamo impiegare utilmente tutti i soldi provenienti dal PNRR dobbiamo poter contare su quelle leve utili a dotare il Paese delle infrastrutture necessarie».

Gallo ha quindi sottolineato il fatto che l’Italia è all’avanguardia in Europa per le reti. «Sul piano infrastrutturale siamo sicuramente più avanti di molti Paesi europei. Nel gas, come nell’elettrico, sono anni che le società investono nell’ammodernamento e nella digitalizzazione delle reti e degli impianti. Sul fronte della transizione e degli obiettivi Ue al 2050, dunque, non abbiamo molto da imparare, semmai possiamo insegnare qualcosa».

L’Amministratore Delegato di Italgas ha anche ricordato il focus della compagnia sugli investimenti. «Per il 2021 – ha detto – abbiamo un programma molto ambizioso, in particolare sul piano degli investimenti. Prevediamo un ulteriore incremento rispetto allo scorso anno, che è stato già da record, con un occhio di riguardo agli interventi per la digitalizzazione. Anche se abbiamo praticamente completato la sostituzione degli smart meter, stiamo lavorando alla trasformazione digitale di tutti gli altri dispositivi della rete e ci avviciniamo così al momento in cui saremo l’unica utility del settore gas al mondo con un network interamente digitale».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.