Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Fabio Panetta (BCE): «Fra 20 anni la valuta digitale sarà dominante, ma attenzione ai rischi»

La valuta digitale? Potrebbe diventare dominante, ma potrebbero esserci dei rischi. A sostenerlo è Fabio Panetta, membro del Comitato esecutivo della Bce, che spiega «non possiamo escludere il rischio che fra 20-30 anni possa esserci una valuta digitale “dominante”, così come in passato è successo a sterlina o dollaro: ma anche se ci vorranno anni, a quel punto sarà troppo tardi per reagire». Ne parla nel corso di un dibattito a Francoforte organizzato dalla Bundesbank, esprimendo la convinzione che presto «le valute digitali potrebbero essere usate a livello internazionale».

D’altronde, aggiunge, «negli ultimi mesi abbiamo visto che alla luce della situazione geopolitica mondiale, la finanza è stata usata come un’arma». Questo, spiega Panetta, «è stato necessario per contrastare l’inaccettabile attacco all’Ucraina», ma è un processo «che ha costi e conseguenze per il nostro futuro». Nonostante il rischio di uno scenario finanziario dominato da una valuta digitale dominante, però, per Panetta – che supervisiona nella Bce il processo di studio di un “euro digitale” – «non penso che nonostante questo rischio dovremmo accelerare» il varo di una moneta unica europea digitale. «Questo è un processo fondamentale che toccherà la fiducia della gente nell’euro: quindi dobbiamo prenderci il tempo necessario, ma alla fine introdurremo una valuta digitale che funziona» ha concluso.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.