Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Matteo Del Fante (AD Poste Italiane): «Crescita solida che apre le porte a un 2022 di successo»

“A meno di due mesi di distanza dall’aggiornamento del piano strategico” i risultati finanziari dei primi tre mesi dell’anno di Poste italiane “rappresentano il primo caposaldo di un 2022 di successo”. L’a.d. Matteo Del Fante presenta al mercato i conti trimestrali e sottolinea: “Dal 2020 abbiamo conseguito una performance costante e in miglioramento: dopo una forte ripresa nel 2021, nel primo trimestre dell’anno continuiamo a crescere in maniera solida, aprendo la strada ad un 2022 di successo”, c’è “uno spostamento strutturale verso l’alto della nostra traiettoria di crescita”.

Utile netto in crescita del +10,6%

Nel primo trimestre l’utile netto sale a 495 milioni, +10,6% rispetto allo stesso periodo di un anno prima. L’azienda evidenzia la “forte crescita” del risultato operativo (+ 11,8% a 694 milioni, “con contributi positivi da servizi assicurativi, servizi finanziari, pagamenti e mobile e una performance resiliente della divisione corrispondenza, pacchi e distribuzione”) e la “continua crescita” dei ricavi: + 1,4% arrivando a sfiorare quota 3 miliardi (2,973). Una “solida performance finanziaria che – commenta l’azienda – apre la strada ad un 2022 di successo”.

Il vantaggio della omnicanalità

“Il nostro modello di business diversificato continua a produrre ottimi risultati finanziari”, dice ancora Matteo Del Fante andando a ripercorrere i risultati principali nei settori di business: dai servizi assicurativi arriva “il contributo maggiore alla profittabilità del gruppo, con una performance positiva sia nel ramo vita sia nel ramo danni. L’Ebit dei Servizi Finanziari (+12,5%) è aumentato grazie a ricavi stabili e al contributo di minori costi”. Nel settore ‘pagamenti e mobile’ – prosegue l’a.d. e direttore generale di Poste Italiane,”la crescita a doppia cifra dell’Ebit (+11,9%) è stata determinata dalla capacità di valorizzare i trend positivi del mercato, come testimoniato dai 2 miliardi di transazioni gestite nel 2021 e oltre mezzo miliardo nel primo trimestre dell’anno”. PostePay è la società del gruppo che ha contribuito di più ai risultati trimestrali in termini di fatturato incrementale.

I risultati del segmento Pacchi

Mentre “il risultato operativo nella divisione Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione è stato solido nel trimestre (-3,8%), grazie alla razionalizzazione dei costi che ha compensato l’impatto della normalizzazione dei volumi dei pacchi che si attestano strutturalmente al di sopra dei livelli pre-pandemia”: anche in “un contesto sfidante nel settore della logistica” – indica l’a.d – per il settore c’è la fiducia di “mantenere la piena visibilità sull’obiettivo di Ebit del 2022”.

I ricavi da corrispondenza sono invariati a 510 milioni, con una crescita dei prodotti a più alta marginalità, come i servizi integrati, che compensa il calo della corrispondenza tradizionale di base, come nei prodotti ‘non registrati’. Ritraccia il boom dei pacchi, – 9,5 % i ricavi nel confronto con i livelli record del primo trimestre 2021: è “una fase di normalizzazione”, indica l’azienda, dopo la forte crescita trainata dell’e-commerce, con la pandemia ed ora con un cambiamento di abitudini nei consumi degli italiani. In ogni caso, “in termini assoluti questo trimestre si attesta al secondo posto all time per volumi di pacchi consegnati nel primo trimestre di ogni anno”: 1 milione di pacchi al giorno.

Ruolo di pilastro strategico per l’Italia

“Confermiamo il nostro ruolo di pilastro strategico per l’Italia”; “confermiamo la nostra ambizione di sostenere lo sviluppo del nostro Paese”, assicura Del Fante: “Quest’anno celebriamo i 160 anni di Poste Italiane, un appuntamento storico che testimonia come il nostro patrimonio unico ci abbia sempre permesso di affrontare le sfide e accompagnare il futuro delle nostre comunità”. E’ intanto confermato il prossimo ingresso nel mercato retail dell’energia con una offerta ‘100% green’ che in una prima fase, “nelle prossime settimane”, sarà riservata alla platea dei dipendenti.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.