#Vetrine d'Italia - Le storie delle attività commerciali che ripartono

Marco Cassis (Presidente di Sales, Marketing, Communications and Strategy Development di STMicroelectronics): «Sui chip una tempesta perfetta in cui la domanda supera di molto l’offerta»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«Sono addirittura inferiori» al coronavirus, così come si vede al microscopio con le particelle virali attaccate alle cellule e la loro tipica corona di glicoproteine, le dimensioni dei semiconduttori nelle tecnologie più avanzate: «basta questo per capire quali raffinatissime tecnologie sono necessarie per costruirli». A parlare, in un’intervista all’AGI, è Marco Cassis, Presidente di Sales, Marketing, Communications and Strategy Development di STMicroelectronics e membro dell’Executive Committee.

STM è un gruppo franco-italiano, fra i maggiori produttori di componenti elettronici a semiconduttore al mondo. Il manager spiega come mai la carenza globale di microchip – i chip sono in pratica il motore che controlla i dispositivi elettronici – sta mettendo in crisi l’industria globale, in particolare quella automobilistica, che fatica ora a realizzare nuovi prodotti.

«Non parlerei di guerra dei chip – sottolinea Cassis – quanto piuttosto di una tempesta perfetta in cui si è ritrovata l’industria globale, in un momento storico eccezionale come questo, dove la domanda è di molto superiore all’offerta». Di fronte alla pressante domanda di chip, i grandi gruppi si stanno organizzando ma il processo, appunto, non è facile. Per questo motivo, spiega Cassis, «la produzione di chip nelle tecnologie più complesse può richiedere anche sei mesi».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.