Il Think Tank Quotidiano della Classe Dirigente

Luigi Di Maio (ministro degli Esteri): «L’internazionalizzazione è un pilastro fondamentale dell’economia italiana»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

“Le delocalizzazioni vengono spesso confuse in malafede con l’internazionalizzazione delle aziende. Ma le aziende italiane che internazionalizzano hanno ben chiaro che se producono in Italia e con manodopera italiana hanno una storia da raccontare sul Made in Italy. E l’internazionalizzazione è un pilastro fondamentale della nostra economia”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervenendo in videocollegamento alla presentazione in Senato del ddl 2335, a prima firma Sergio Romagnoli, riguardante le ‘Misure di contrasto alle delocalizzazioni produttive’.

“Con il patto per l’export dell’aprile 2020, entrato in funzione nell’estate 2020, abbiamo investito 5 miliardi di euro e formato gratuitamente imprenditori” sull’internazionalizzazione delle aziende.

“A distanza di un anno e mezzo, il 2021 è stato l’anno record dell’export del made in Italy”, grazie anche alla “riforma che ha allineato il corpo diplomatico e le misure che permettono alle imprese di andare all’estero”, ha proseguito Di Maio.

“Noi dobbiamo esportare i prodotti, non gli stabilimenti” e “anche il Pnrr deve essere uno strumento con cui premiare le aziende che investono in Italia”, ha concluso il ministro.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.