Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[Lo scenario] L’Europa si prepara al taglio definitivo del gas russo. Ecco come

L’Europa è pronta a presentare un piano per affrontare la crisi energetica e l’eventuale riduzione o taglio delle forniture di gas all’Ue da parte della Russia. «Agendo ora» scrive la Commissione Ue, come riporta il Corriere della Sera «si potrebbe ridurre di un terzo l’impatto di un’improvvisa interruzione dell’approvvigionamento».

È un piano, sottolinea il quotidiano italiano, basato principalmente sulla «solidarietà» tra gli Stati membri per una reazione «coordinata», che presuppone anche una «cooperazione transfrontaliera» per definire criteri di priorità ottimali «in modo da ridurre gli effetti a cascata attraverso le frontiere e il mercato interno dell’Ue». Ma Budapest ha già rotto lo schema, con una mossa che ricorda il divieto di export delle mascherine deciso all’inizio della pandemia da alcuni Stati membri. I ministri Ue dell’Energia discuteranno il piano nel consiglio straordinario del 26 luglio.

Nella bozza della Comunicazione “Risparmiare gas per un inverno senza rischi” e nell’Annesso, che il Corriere della Sera ha potuto visionare, la Commissione spiega che «nello spirito della solidarietà e della cooperazione europea, dobbiamo garantire che il gas fluisca dove è più necessario, proteggendo sia i nostri utenti domestici che i nostri posti di lavoro e l’economia nel suo complesso». Bruxelles invita a un «risparmio coordinato della domanda», che «potrebbe limitare l’impatto negativo sul Pil» (questa mattina la Commissione presenta le nuove stime di crescita e inflazione). 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.