Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[L’analisi] In 8 mesi perse 970.000 autovetture in Europa

Secondo quanto evidenziato dall’Unrae, nei primi otto mesi del 2022 in Europa si sono persi circa 970.000 veicoli rispetto allo stesso periodo del 2021. «Il settore automotive» spiega il direttore Andrea Cardinali «sta attraversando una transizione epocale che trasformerà profondamente domanda e offerta, ma per vari motivi in Italia questa transizione stenta a decollare, e secondo alcuni osservatori rappresenta una seria minaccia per il futuro della filiera».

Per Cardinali, «la riconversione industriale, ormai inevitabile, potrebbe avvenire senza troppi danni se il mercato tornasse a essere florido e virasse con decisione verso le nuove alimentazioni, rendendo il nostro Paese più attrattivo per gli investitori stranieri». L’Italia, infatti, pur con il frequente alternarsi di governi diversi, «beneficia di una sostanziale stabilità e sicurezza, di una tradizione consolidata, di una manodopera qualificata con una formazione di eccellenza, senza contare i fondi del Pnrr.

Ma per attrarre nuove produzioni è importante una buona salute della domanda e l’Italia, dopo essere stata il secondo mercato dell’auto in Europa, con volumi pari al 70% della Germania principale mercato, da 12 anni è scesa al quarto posto, con dimensioni ridotte a circa la metà del numero uno. E un rilancio strutturale della domanda passa necessariamente attraverso una fiscalità dell’auto meno penalizzante. Nello specifico le auto aziendali dovrebbero usufruire di una detraibilità Iva più vicina alla normativa europea, ma anche di una deducibilità dei costi in linea con i maggiori mercati stranieri: sono riforme non più rinviabili, nella nuova legislatura che sta per iniziare». 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.