Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Giuseppina Di Foggia, CEO Terna: “L’interconnessione con la Tunisia rafforza gli scambi con l’Africa”

“Uno dei progetti che contribuisce a rafforzare il ruolo dell’Italia quale hub energetico nel Mediterraneo è senza dubbio Elmed, il collegamento in corrente continua tra Italia e Nord Africa che Terna realizzerà insieme a STEG.

Grazie al progetto, incrementeremo l’efficienza dello scambio energetico tra le reti dei due continenti e l’integrazione rinnovabili, contribuendo alla maggiore sicurezza dell’approvvigionamento per il Paese”.

Lo ha dichiarato Giuseppina Di Foggia, amministratore delegato di Terna, intervenendo al quarto Workshop dei Presidenti Medreg (Associazione dell’Energia del Mediterraneo).

“Con il nostro partner tunisino stiamo lavorando a una collaborazione strategica e paritaria che punta su energia e innovazione, combinando così le aspirazioni del Piano Mattei per l’Africa: oltre allo sviluppo infrastrutturale vogliamo puntare sulla crescita di competenze distintive, supportando le realtà tunisine attive nel campo dell’innovazione tecnologica”, ha proseguito.

“Sono quindi felice di anticipare in questo contesto che dopo l’estate sarà operativa Terna Innovation Zone, iniziativa con un focus specifico su formazione e attrazione dei talenti per favorire la crescita occupazionale in Tunisia, che sosterrà startup e industria energetica locale”.

“Questo – ha proseguito – è solo un esempio della nostra visione, sulla quale si basa il piano industriale 2024-28 da oltre 16,5 miliardi di euro di investimenti: Terna lavora per una Twin Transition, energetica e digitale, con impatti positivi su tutti gli stakeholder e sull’ambiente.

Investiremo in digitalizzazione circa 2 miliardi di euro nei prossimi cinque anni.

L’innovazione sarà per noi un driver strategico per il raggiungimento dei target di decarbonizzazione fissati a livello nazionale e internazionale”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.