La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Giancarlo Giorgetti (ministro Sviluppo economico): «Incontro positivo su banda ultralarga e 5G»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Un incontro positivo. È questo il parere del ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, che ha presieduto l’incontro andato in scena al Mise, assieme alla sottosegretaria Anna Ascani, a proposito della banda ultralarga e 5G, a cui hanno preso parte Asstel e i rappresentanti degli operatori del settore.

«L’obiettivo comune è far andare al massimo lo sviluppo del sistema delle telecomunicazioni per il futuro del digitale, previsto anche nel Pnrr. Un’esigenza che deve andare di pari passo con le legittime aspirazioni di crescita delle imprese e il raggiungimento di benefici per la collettività. Come Mise siamo disponibili e auspichiamo un dialogo costruttivo con tutte le parti, lavoriamo per semplificare il quadro normativo esistente in maniera coordinata e coerente. Vogliamo capire come aiutare la filiera del settore in maniera corretta e senza favoritismi. Rispetto a un anno fa abbiamo risorse e possiamo parlare di possibilità di azioni, come l’innalzamento dei limiti, che erano inimmaginabili. Il tutto però deve avvenire attraverso un percorso ordinato», sottolinea il ministro Giorgetti.

La riunione è stata anche occasione per esaminare le anticipazioni dei risultati del rapporto Asstel 2021 sulla filiera delle telecomunicazioni in Italia e avviare un primo confronto operativo sulle azioni e gli strumenti a disposizione per favorire cooperazione e convergenza degli obiettivi in tema di sviluppo e investimenti infrastrutturali legati al Pnrr. A fronte delle importanti risorse finanziarie messe a disposizione nel Pnrr, il ministro ha posto sia ad Asstel che ai singoli operatori la necessità di agire in una logica di sistema dove l’investimento pubblico favorisca lo sviluppo delle reti in fibra, 5G e nuove tecnologie, anche attraverso la formazione e la riqualificazione professionale dei lavoratori del settore.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.