Cristina Costarelli (ANP Lazio): «Sui trasporti è stato fatto poco. Preoccupa il rientro in classe»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

“Le scuole sono obbligate a seguire un protocollo molto rigido sul Covid, continuiamo ad applicare alla lettera la normativa di igienizzazione dei locali prevista e il resto. Ma il nostro lavoro rischia di essere vanificato. Domani le scuole secondarie di secondo grado riapriranno in presenza con gli stessi punti interrogativi di quando si è chiuso.

Preoccupa per studenti e famiglie l’evidenza immortalata nei riscontri dei Nas sul fronte trasporti. Abbiamo partecipato a numerosi tavoli di confronto istituzionale sul tema, ma in concreto è stato fatto poco. Stamattina mi hanno comunicato già 12 situazioni di positività tra alunni e famiglie nell’istituto che dirigo, e non si è ancora tornati in presenza. Viene il dubbio di come sia stata gestita la zona rossa nel Lazio, con scuole chiuse e ragazzi davanti ai bar o in vari luoghi pubblici assembrati senza mascherina”.

Così Cristina Costarelli, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP) di Roma e dirigente scolastica del Liceo Newton, alla vigilia del ritorno in presenza fino al 75% delle superiori, commenta i risultati emersi dalla campagna nazionale sui controlli Covid a bordo dei mezzi pubblici, realizzata dal comando Carabinieri per la Tutela della salute.

“Ribadiamo il consiglio, per chi può farlo, di raggiungere la scuola con mezzi propri – prosegue Costarelli – e chiediamo alla sindaca Raggi, almeno nella fascia di punta del mattino, di riaprire la Ztl per agevolare la frequenza degli allievi delle scuole che ricadono nelle zone centrali”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.