La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Roberto Cotterchio (Cograf srl): «Il Green Pass rischia di bloccarci l’azienda ma io rispetterò la legge»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Sì ai vaccini, ma il Green pass sta creando disagi. Lo dichiara Roberto Cotterchio, 52 anni, guida la Cograf srl di Torino, azienda fondata dal padre nel 1982, che produce un miliardo di etichette autoadesive all’anno per l’alimentare e la logistica. Ed è anche vicepresidente di Api Torino, associazione delle Pmi.

«Sono vaccinato, ma l’obbligo di Green Pass ha risvegliato tensioni sociali sopite da anni, dentro e fuori l’azienda. Il governo ha introdotto una legge difficile da applicare, senza spiegarla e senza predisporre tamponi gratuiti. Da venerdì rischio di bloccare la mia attività che non si è fermata mai, neppure nei momenti più bui del lockdown».

Come si sta organizzando? 

«Ho 35 dipendenti e per la privacy non so quanti avranno il Green Pass. So però che una decina di loro – perché me l’hanno detto – non hanno fatto né faranno il vaccino. Una posizione che rispetto e che ha suscitato uno scontro ideologico in azienda. Ma come imprenditore non sono tenuto a valutare le scelte private né a trasformarmi in poliziotto per segnalare al prefetto chi è senza permesso». 

E cosa farà allora venerdì?

«Mi atterrò alla legge. Lavoriamo su tre turni, dovrò trovare tre delegati che controllino il Pass con l’App. Chi non ce l’ha sarà assente ingiustificato, rimandato a casa senza stipendio. Ma mi chiedo se il problema della sicurezza sul lavoro si risolva non facendo lavorare le persone o forzandole a spendere 200 euro al mese di tamponi», afferma a la Repubblica.

Potrebbe coprire lei il costo?

«Ci ho pensato, ma non è semplice. Non solo perché è una spesa in più, ma perché gli altri lavoratori vorrebbero una somma analoga in welfare. Dopodiché le farmacie sono piene, alcuni collaboratori hanno già fatto prenotazioni multiple. Ma così rischio di non soddisfare gli ordini e ho macchine che costano 200-300 euro all’ora: che faccio, le fermo? Abbiamo lavorato senza mai chiudere e senza un contagio. E ora che c’è la ripresa ci blocchiamo?».

Meglio senza Green Pass?

«Non dico questo. Ma lo Stato deve mettere tutti sullo stesso piano: chi si vaccina e chi no. Non si può pagare per lavorare».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.