Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Allarme demografico. Ecco quando scomparirà il Sud | Lo scenario

Il quadro sul futuro demografico dell’Italia “mostra una popolazione residente in forte decrescita.

Secondo lo scenario di previsione “mediano”, si passerà da 59 milioni al 1° gennaio 2022 a 58,1 milioni nel 2030, a 54,4 milioni nel 2050 fino a 45,8 milioni nel 2080″.

Lo ha detto il presidente facente funzione dell’Istat Francesco Maria Chelli ricordando i dati diffusi dall’Istituto il 28 settembre in audizione sulla Nadef.

“Il progressivo spopolamento investirà tutto il territorio, pur con differenze tra Nord, Centro e Mezzogiorno, con un calo più marcato in quest’ultima ripartizione”, ha spiegato in audizione sulla Nadef.

“Il Nord potrebbe ridursi di appena 276mila unità entro il 2050 (da 27,4 a 27,1 milioni), mentre la popolazione del Mezzogiorno potrebbe perdere 3,6 milioni entro il 2050 (da 19,9 a 16,3 milioni).

In nessuna delle ipotesi previsive considerate – anche negli scenari più favorevoli – si riuscirà a riportare in equilibrio l’attuale distanza tra nascite e decessi.

L’aumento dei livelli riproduttivi medi, infatti, non potrà produrre un parallelo aumento dei nati, a causa della diminuzione sempre più significativa delle donne in età fertile, che rappresentano il potenziale riproduttivo del Paese”, ha osservato.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.