Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Aldo Bisio (AD Vodafone Italia): «La gara per il 5G nelle aree bianche è una sfida ambiziosa lanciata dal Governo»

“Con la gara per il 5G nelle aree bianche il Governo ha tracciato un percorso ambizioso. È un disegno ottimale e fatto bene. Si tratta adesso di porre attenzione alla parte esecutiva ma mi sembra che ci siano tutte le carte in regola per far sì che questi fondi possano essere messi a disposizione nella maniera più efficace e più veloce per coadiuvare e supportare questo grande sforzo di adeguamento delle nostre infrastrutture in una logica di prossimo futuro digitale. È un grande aiuto concreto agli operatori ma complessivamente al sistema Paese perché le infrastrutture sono un fattore abilitante a tutta la costruzione dell’ecosistema digitale”.

Lo ha sottolineato Aldo Bisio, amministratore delegato di Vodafone Italia intervenendo all’evento promosso a Roma dal CNIT (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni), 5G Italy 2021.

“All’interno dei 190 miliardi del recovery fund, per il digitale ci sono circa 50 miliardi di euro. Oltre i 6,7 miliardi per le infrastrutture poi ci sono svariate decine di miliardi per investire comunque sugli ecosistemi digitali. Sono incentivi sia lato domanda sia lato offerta. Molti di questi aiuti dovranno essere destinati alle Pmi, che pagano un ritardo molto importante sulla trasformazione digitale sia nel confronto con i Paesi europei più evoluti ma ancora di più verso Stati Uniti e Asia. Credo sia fondamentale destinare questi fondi alle aziende che devono competere sui mercati internazionali” ha ricordato.

“Bisogna semplificare le normative di accesso ai fondi europei e magari anche favorire l’intermediazione e la consulenza da parte di terze parti per l’accesso e il disegno dell’utilizzo di queste risorse. Credo che il governo stia pensando con attenzione a queste linee di marcia e siamo confidenti che tutta questa azione possa poi trovare rapido sbocco in azioni concrete nei prossimi mesi”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.