#Vetrine d'Italia - Le storie delle attività commerciali che ripartono

Recovery plan e React-Eu: risorse da spendere bene e in fretta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Con l’arrivo nei prossimi mesi di una quantità di fondi dall’Europa senza precedenti, l’Italia è chiamata a pianificare con attenzione gli investimenti cercando di evitare sovrapposizioni tra i fondi strutturali e le risorse del Next Generation Eu. È quanto indicano a Bruxelles fonti vicine al dossier.

Per un uso corretto dei fondi europei servirà un’attenta cooperazione tra i ministeri e tra il governo centrale e le amministrazioni locali, che dovranno creare sinergie per incanalare gli investimenti nelle aree prioritarie – a partire dalla doppia transizione verde-digitale, simili per le diverse tipologie di fondi Ue.

Il momento è cruciale perché, spiegano le stesse fonti, da un lato c’è la necessità di spendere i fondi Ue in fretta e dall’altro quella di spenderli bene. Se i circa 200 miliardi del Recovery sono infatti da spendere entro il 2026, i 13 miliardi di euro del React-Eu andranno usati entro il 2023. A Bruxelles si riconosce che l’Italia si sta attrezzando in questa direzione con sistemi di monitoraggio che potrebbero individuare e prevenire le sovrapposizioni.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.