Il Think Tank Quotidiano della Classe Dirigente

[Il documento integrale] Pensioni, caro-bollette, sostegni alle imprese, ricerca, Superbonus 110 e tanto altro. Ecco (nel dettaglio) la Manovra e come spenderemo 23, 4 miliardi di euro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Dpb-2022

Il Documento Programmatico di Bilancio alza il sipario sulle cifre della manovra di bilancio, che poi  conterra’ nello specifico le misure di attuazione.

E l’Osservatorio Economico e Sociale Riparte l’Italia è in grado di pubblicare integralmente il documento.

Confermata l’entita’: 23,4 miliardi nel 2022, pari all’1,245% del Pil, con  piu’ fondi al fisco, alla sanita’, alle pensioni e anche al  reddito da cittadinanza, al sostegno delle imprese nonche’ per  fronteggiare il caro-bollette.  Questa in dettaglio la “cornice” della manovra che il Governo si appresta a varare. Nel Dpb viene inoltre messo nero su bianco che “ulteriori misure straordinarie di sostegno ai lavoratori e  alle imprese colpite dalle conseguenze della pandemia saranno  celermente introdotte se ne ricorrera’ l’esigenza”.

PENSIONI

Per interventi in materia pensionistica, allo scopo di  riequilibrare il sistema, 601 milioni nel 2022, 451 milioni nel  2023, 507 milioni nel 2024. 

REDDITO CITTADINANZA 

Al reddito di cittadinanza il Governo pensa di destinare 791  milioni nel 2022 come misure di integrazione. 

CARO-BOLLETTE 

Arrivano circa due miliardi di euro, 1.996 mln per l’esattezza,  per fronteggiare il caro-bollette nel 2022 e nel 2023. 

SOSTEGNI ALLE IMPRESE 

Arrivano 4,1 miliardi nel 2022 come “sostegno alle imprese e  supporto all’ingresso nei mercati internazionali per supportare  il consolidamento della ripresa economica”. Le misure riguardano  la “proroga di incentivi fiscali collegati a Transizione 4.0,  risorse per sostenere l’internazionalizzazione, proroga del  contributo a favore delle PMI per l’acquisto di beni strumentali  (cd nuova Sabatini), nuove risorse per il fondo di garanzia  PMI”.

SANITA’ 

La manovra destinera’ ulteriori fondi per 4 miliardi. Si tratta,  si legge nel Documento Programmatico di Bilancio,  dell'”incremento rispetto al 2021 del Fondo sanitario nazionale  di 2 miliardi l’anno fino al 2024, finanziamento del fondo per  l’acquisto di farmaci innovativi, acquisto di vaccini per il  Covid 19 e farmaci”.  FISCO  Per attuare la prima fase della riforma fiscale, il Governo  destina in manovra circa 6 miliardi, 5,941 mld per l’esattezza,  per il 2022. A questa cifra si aggiungono i 2 miliardi gia’  stanziati lo scorso anno e appostati in un fondo che il Governo  si e’ gia’ impegnato a utilizzare come anticipo della delega  fiscale. Sono complessivamente 8 miliardi.

AMMORTIZZATORI SOCIALI 

Il governo stanziera’ nel 2022 altri 1,5 miliardi di euro per la  riforma degli ammortizzatori sociali. A questi si aggiungono 1,5  miliardi di euro gia’ appostati con la sospensione del cashback.  Sono quindi in totale 3 miliardi.

UNIVERSITA’ E RICERCA 

Il Dpb prevede lo stanziamento di 1,13 miliardi di euro in tre  anni per l’universita’ e la ricerca. I soldi serviranno a  rifinanziare il Fondo di finanziamento ordinario  dell’Universita’, il Fondo per la scienza, e il fondo per gli  enti di ricerca e a istituire un fondo per la tecnologia. In  particolare, saranno stanziati 396 milioni nel 2022, 433 milioni  nel 2023 e 304 milioni nel 2024.  –

ECOBONUS 

Il Dpb prevede lo stanziamento di 113 milioni per il  rifinanziamento dell’ecobonus per le auto non inquinanti. 

SUPERBONUS 110

La legge di bilancio conterra’ la proroga “dei bonus per  ristrutturazioni edilizie, riqualificazione energetica, mobili, sisma,  verde”. Lo stanziamento aggiuntivo e’ minimo, meno di 40  milioni, nel 2022, mentre nel 2023 sono previsti circa 500 milioni che  salgono a due miliardi e mezzo nel 2024. 

FAMIGLIA 

Il Dpb prevede lo stanziamento di 414 milioni di euro nel 2022  per le politiche per la famiglia. I soldi serviranno, tra  l’altro, a rendere strutturale il congedo di paternita’ a 10  giorni, a fornire nuove risorse per asili nido e scuole  dell’infanzia e garanzie ed esenzioni di imposte per facilitare  l’acquisto della prima casa, in particolare per i giovani. 

INVESTIMENTI E FONDO DI COESIONE 

Il Dpb prevede lo stanziamento di 2,034 miliardi di euro nel  2022 per il rifinanziamento dei fondi per gli investimenti dello  Stato e degli enti territoriali, compresa la fase di  progettazione, rifinanziamento del fondo perequativo  infrastrutturale e del Fondo Sviluppo e Coesione. Obiettivo  delle misure, si legge nel documento, e’ “destinare nuove  risorse a livello centrale e locale per gli investimenti  pubblici per migliorare la rete infrastrutturale del Paese e  supportare il sistema economico”.  

DISABILITA’

Il Dpb stanzia 178 milioni in tre anni  per supportare i cittadini disabili e non autosufficienti. In  particolare, la tabella allegata prevede 38 milioni nel 2022, 59  milioni nel 2023 e 81 milioni nel 2024.

INFRASTRUTTURE E DIFESA

In manovra verranno stanziati circa 2 miliardi per accelerare la realizzazione di opere infrastrutturali e   rinnovare la difesa nazionale. E’ quanto si evince dalle tabelle del   Dpb.       

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.