La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Ezio Mauro: «Il governo di tutti rischia di essere il governo di nessuno. Ecco i limiti dell’esperimento Draghi»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il governo di tutti rischia di essere il governo di nessuno.

Lo sostiene Ezio Mauro, politologo e per 20 anni direttore del quotidiano La Repubblica.

“Questo è il vero problema che segna l’agenda di Mario Draghi dopo il primo giro di consultazioni tra i partiti”.

“Un risultato è già chiaro: il governo si farà, semplicemente perché il sistema è arrivato all’ultima spiaggia e rischia di giocarsi i 209 miliardi di aiuti europei per l’incapacità di rispettare i tempi e i modi degli interventi di sostegno straordinari, e delle riforme necessarie per accompagnare e garantire l’intervento della Ue”.

“Nessuno tra gli attori politici può prendersi la responsabilità — al punto in cui siamo — di far naufragare l’unico progetto per la ripresa del Paese. Nemmeno Giorgia Meloni, disposta a sostenere singole misure di volta in volta”.

“Tutti gli altri hanno dato via libera a Draghi. Sembra un’abdicazione della politica alla tecnocrazia, ma in realtà la partita è appena incominciata” ragiona in un lungo editoriale sul giornale fondato da Eugenio Scalfari.

“In una società democratica la politica deve sedere a capotavola e deve tenere in mano il mazzo delle carte, perché è l’unica che può disciplinare lo scontro e il confronto tra gli interessi legittimi in campo, in nome dell’interesse generale”.

“Ma la politica deve legittimare ogni giorno se stessa, in termini di efficacia ed efficienza, di onestà e di rappresentanza, per non deludere la fiducia dei cittadini, intaccando quel deposito di credenza nella democrazia che è alla base del patto sociale. Noi siamo alle soglie di quel punto critico”.

“Draghi deve avere la coscienza di questo limite, delicatissimo, perché sta a lui in questa avventura il compito più ambizioso, quello di aiutare la politica a riprendere il suo ruolo, ristabilendo l’autorità della democrazia esausta”.

“Tutto il resto naturalmente dipende dalla politica stessa, e in particolare da cosa i singoli partiti sapranno portare dentro questo esperimento, la loro soggettività e la loro identità, oppure semplicemente i loro voti”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.