Nello Musumeci (Presidente Regione Sicilia): «Ecco quello che chiediamo a Draghi»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Al neo premier Mario Draghi la Sicilia, nel Recovery Plan, non chiede «cento cose, ma cinque o sei». Ad affermarlo, in un’intervista all’edizione di Palermo de La Repubblica, il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci.

Tra queste, «il collegamento stabile, ovvio, non mi interessa se attraverso un ponte o un tunnel sottomarino. Il completamento del cerchio autostradale da Mazara a Gela, un porto hub che possa intercettare i traffici del Mediterraneo, la velocizzazione delle ferrovie e il loro raddoppio, la messa in sicurezza del territorio, soprattutto per quanto riguarda gli edifici che ospitano scuole e altri servizi pubblici e che sono a rischio sismico».

«Se poi ci fosse ancora spazio, si potrebbe pensare a un sostegno al piano contro la siccità che abbiamo già avviato». Secondo Musumeci, il governo Draghi è «l’unico rimedio possibile, escluse le elezioni. Piuttosto che un governo in continua crisi, meglio una rapida crisi di governo».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.