#Vetrine d'Italia - Le storie delle attività commerciali che ripartono

Cristiano Gori (docente Università di Trento): «Su welfare c’è ancora un grave ritardo dello Stato»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«Andiamo verso una società dove il rischio di povertà è sempre più diffuso e trasversale, e dobbiamo aspettarci anche un ritorno dei vincoli di bilancio. La sfida sarà indirizzare le risorse verso chi ha davvero bisogno, perché sulle aree del welfare riguardanti povertà, natalità e non autosufficienza si sconta un grave ritardo dello Stato». Così la pensa Cristiano Gori, docente di Politica sociale all’Università di Trento, durante il forum su “Nuove povertà e nuove reti sociali” nell’ambito della 16a edizione del Festival dell’economia di Trento. 

«La povertà in Italia è in costante crescita dal 2008, e vi è un fragilizzazione della società che è trasversale e riguarda anche le persone che lavorano. Durante il Covid valuto positivamente la quantità delle misure messe in campo, mentre sulla qualità ci sono molte ombre: la metà dei poveri non riceve il reddito di cittadinanza e, per come è disegnata la misura, almeno 1/3 degli utenti non sono poveri. Andiamo verso un’Italia che richiederà scelte complicatissime, perché stiamo facendo le cose giuste al momento sbagliato».

A margine dell’evento è intervenuta anche Franca Maino, docente di Scienza politica all’Università statale di Milano, secondo cui il welfare giocherà un ruolo «determinante nel favorire la crescita economica» per la «produzione di nuove risposte ai bisogni sociali a livello locale».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.