Guido Silvestri (Immunologo): «I vaccini a Rna sono una vera e propria rivoluzione»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

«A mio avviso questa situazione sottolinea ancora una volta l’eleganza dell’approccio dei vaccini a Rna. Così si dà l’opportunità al sistema immunitario di concentrarsi soltanto sull’antigene contro cui vogliamo che si attivi (in questo caso la Spike e niente altro). Questi vaccini non solo ci stanno tirando fuori dal Covid ma probabilmente rappresentano una vera e propria rivoluzione che permetterà di combattere altre importanti malattie infettive». Ad affermarlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è l’immunologo Guido Silvestri.

«Visti i dati al momento disponibili, se proprio si vuole investire in modo massiccio su un vaccino italiano contro il Covid sarebbe stato opportuno farlo per un vaccino a Rna piuttosto che a vettore adenovirale» sottolinea.

Sull’eventualità di dover fare un richiamo anti Covid ogni anno a causa delle varianti, Silvestri aggiunge che si tratta di una «prospettiva molto reale. Per quanto i vaccini a Rna sembrino molto efficaci contro le tre varianti di Sars CoV-2 meglio studiate, è possibile non solo che nuove varianti emergano, ma che la durata dell’immunità sia più breve in questi casi».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.