Gabriel Zuchtriegel (Direttore degli Scavi di Pompei): «Con Pompei ripartirà l’Italia della cultura»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Con Pompei ripartirà l’Italia della cultura. Lo dice in un’intervista a Repubblica Gabriel Zuchtriegel, l’archeologo italo-tedesco scelto dal ministro della Cultura Dario Franceschini come nuovo direttore degli scavi di Pompei.

Secondo Zuchtriegel, la ripartenza del settore inizierà «dalla rete di siti e luoghi della cultura di cui l’Italia, museo a cielo aperto, è ricca e che la rappresenta al meglio. Proprio a Pompei nei prossimi anni sarà importante lavorare anche sui siti cosiddetti minori, che tali non sono, sul territorio, rinforzando la concezione e la lettura del paesaggio storico e archeologico». Pompei, quindi, come hub della cultura napoletana e campana, «guardando a Ercolano, a Napoli, ma anche all’intera Valle del Sarno. È un grande patrimonio e Pompei deve far parte di questa rete».

Zuchtriegel pensa a un utilizzo degli spazi di Pompei per spettacoli e altre attività culturali: «Già si fa. Il patrimonio è accessibile e aperto al territorio. Ci sono state manifestazioni di alto livello, e cercheremo di rendere Pompei sempre più un luogo del contemporaneo. E ricordo anche che Pompei è aperta a enti di ricerca e università di tutto il mondo. E il Parco stesso fa ricerca di altissimo livello con i propri laboratori. Continueremo su questa strada».

Circa una ripresa degli scavi a Pompei, Zuchtriegel spiega che «l’obiettivo non è scavare a ogni costo, ma farlo se funzionale alla tutela. Serve la manutenzione programmata, e vanno usate tutte le tecnologie disponibili come i droni per fare tutela preventiva e monitorare l’area». In merito alle polemiche sollevate da Stefano De Caro e Irene Bragantini, i due membri del Consiglio scientifico che si sono dimessi, Zuchtriegel invece risponde: «Non conosco le motivazioni, né le circostanze e dunque non posso esprimermi».

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.