Il Think Tank quotidiano dove la classe dirigente si confronta sulla Ripartenza

Massimo Caputi

Massimo Caputi

Massimo Caputi, è una delle principali figure della Finanza Immobiliare italiana, avendo ricoperto cariche apicali in aziende private e pubbliche di rilevanza nazionale. Attualmente e’ maggiore azionista della societa’ di investimenti Feidos, che a sua volta controlla anche Terme di Saturnia SpA; è stato Vice Presidente esecutivo della Prelios SpA (già Pirelli Real Estate) dal 2013 al 2015 partecipando al rilancio del Gruppo, investito da una grave crisi ; fino ad aprile 2012 CEO di FIMIT (oggi Dea Capital Real Estate Sgr), in cui ha guidato la fusione di FIMIT con una SGR controllata da De Agostini Group, creando il primo player del settore e cedendo la sua partecipazione al Gruppo De Agostini. Dopo aver sviluppato dal ’98 il grande progetto di ristrutturazione per rendere redditizia la gestione di Stazione di Roma Termini, diventata Grandi Stazioni SpA ed un case history pilota per tutt’Europa, all’inizio del 2002 il Ministro dell’ Economia lo ha nominato CEO del Gruppo Sviluppo Italia, azienda nazionale con la Missione di attrarre in Italia capitali stranieri, oggi Invitalia. Ha inoltre ricoperto molti incarichi nei CdA di aziende e Gruppi Bancari, tra i quali la Presidenza del Cda in MPS Asset Management SGRs, la Vicepresidenza del Cda in Paschi Gestioni Immobiliari S.pA., e la Vicepresidenza del Cda banca Agricola Mantovana SpA. Oltre alle sue molteplici attività imprenditoriali, oggi Massimo Caputi ha messo la propria esperienza a disposizione del mondo Confindustria, con competenze e maturità particolarmente preziose nel periodo di massima crisi economica e sociale del Paese e di grande fermento legislativo. Ricopre la carica di Presidente di Federterme e fa parte dei gruppi di lavoro Confindustria-Credito&Finanza e Federturismo-Cultura; in qualità di Presidente Federterme partecipa attivamente a tutte le iniziative Federturismo per sollevare l’intero settore, con spirito costruttivo ed unitario, dalla gravissima crisi innescata dal Covid19.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.