Riaprono le Gallerie dell’Accademia di Venezia con la “restituzione” del corridoio palladiano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Riaprono le Gallerie dell’Accademia di Venezia con la restituzione del corridoio palladiano, al momento non ancora riallestito con le opere d’arte. Ci sono voluti due anni di interventi di restauro, curati dal Segretariato regionale del MiC per il Veneto, che hanno permesso il reintegro della circolarità di visita, evitando al contempo l’interferenza dei flussi dei visitatori nelle sale, fondamentale in tempi di Covid, e agevolando le persone con difficoltà motorie.

La fruizione del corridoio palladiano costituisce un’anteprima assoluta. A breve partiranno gli interventi di riallestimento di quest’area del museo, portando poi via via all’apertura di nuove sezioni: come la sala dedicata alla ricostruzione del soffitto di Palazzo Corner Spinelli, dipinto da Giorgio Vasari, e ricomposto dopo 30 anni di ricerche, l’apertura di una sala dedicata alle tele dei Bassano, l’allestimento di un nuovo ambiente destinato all’esposizione, a scadenza regolare, dei capolavori grafici del Gabinetto dei Disegni, una delle collezioni più ricche in Italia, con ben 20 disegni di Leonardo Da Vinci.

Sarà possibile visitare la più grande collezione di arte veneta del mondo, il lunedì, dalle 8.15 alle 14, e dal martedì alla domenica, dalle 8.15 alle 19.15 (la biglietteria chiude un’ora prima). Il sabato e la domenica l’accesso sarà consentito solo su prenotazione (www.gallerieaccademia.it/biglietti), come dalle attuali disposizioni governative.        

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.