Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

[L’iniziativa] Brembo investe in startup, nasce la divisione Ventures

Brembo guarda alla mobilità del futuro e accelera sulla digitalizzazione degli impianti frenanti. Il gruppo guidato da Matteo Tiraboschi ha messo in campo la divisione Brembo Ventures per investire nelle startup tecnologiche. Sarà lo strumento per “attirare e far crescere gli innovatori, chi esplora le frontiere tecnologiche”, afferma Roberto Grazioli, responsabile dello sviluppo del business di Brembo.    

Brembo Ventures realizzerà investimenti strategici a livello globale nelle migliori startup tecnologiche in grado di portare  valore sia in ambito di prodotto sia di processo produttivo. In  particolare l’attenzione sara’ rivolta a realta’ attive  nell’intelligenza artificiale, nei big data, nella sensoristica,  nella meccatronica, nell’efficienza energetica e nella  sostenibilita’ che possano trovare applicazione nel settore  dell’automotive.    

La nuova divisione di Brembo ha messo a segno il suo primo  investimento con l’acquisto, in qualita’ di lead investor, del  6,8% del capitale di PhotonPath, azienda milanese fondata nel  2019 come spin off del Politecnico di Milano, che sviluppa  prodotti basati sulla fotonica integrata. Con PhotonPath, Brembo  potra’ accelerare lo sviluppo di nuove soluzioni per la  digitalizzazione degli impianti frenanti, percorso intrapreso  con il lancio del nuovo sistema frenante intelligente Sensify.     L’investimento in PhotonPath e’ complementare a quello  effettuato da Brembo nel 2020 in Infibra Technologies, societa’  fondata nel 2014 come spin off della Scuola Superiore Sant’Anna  di Pisa che sviluppa e produce sistemi fotonici integrati, di  cui Brembo detiene il 20% e che entra nel portafoglio di Brembo  Ventures.    

La nuova struttura avrà inoltre l’obiettivo di coordinare i rapporti con le startup di cui Brembo è azionista, creando un ecosistema in grado di supportarne l’evoluzione tecnica e monitorarne le performance finanziarie, oltre a gestire le  partecipazioni in fondi di venture capital e le partnership con incubatori tecnologici. “La nostra strategia – aggiunge Grazioli  – è investire in startup con le quali lavorare direttamente per accelerare lo sviluppo di nuove soluzioni. Da oggi con Brembo Ventures siamo ancora più strutturati per cogliere le opportunità sul mercato che possano contribuire al nostro obiettivo: ridefinire il futuro dei sistemi frenanti e della mobilità a beneficio dei nostri clienti”. 

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.