La classe dirigente del Paese si confronta sulla Ripartenza - Rivedi i nostri Talk

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti: no all’abolizione del capotreno

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

I sindacati dei trasporti si oppongono fermamente all’abolizione della figura del capotreno. In vista dell’incontro di domani con l’Ansfisa, l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie delle infrastrutture, Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti avvertono che con la sicurezza non si scherza. «Nella riunione di domani, 26 luglio, ci aspettiamo che Ansfisa, l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, riveda la propria impostazione e confermi la figura del capotreno sui treni viaggiatori», dichiarano Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti.

«Non è possibile» spiegano «che il nuovo regolamento per la circolazione ferroviaria, in questi giorni oggetto di consultazione da parte dell’agenzia con i vari stakeholders, preveda l’abbassamento dei livelli di sicurezza nel trasporto ferroviario nel nostro Paese con la trasformazione di requisiti tecnici e abilitativi in funzioni e principi generali che, in assenza di tecnologie sostitutive, solo figure adeguatamente professionalizzate possono garantire».

Per saperne di più:

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.