Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Con i tassi ancora alti il Pil non va oltre lo 0,6% | Le proiezioni di Banca d’Italia

Proiezioni-macroeconomiche-Italia-giugno-2024

La Banca d’Italia resta prudente sulla crescita dell’economia italiana: 0,6% è la stima per il 2024, come nello scenario pubblicato ad aprile nonostante l’Istat abbia appena indicato che il Pil, dopo il +0,3% del primo trimestre, ha già una crescita acquisita (che si verificherebbe cioè con crescita zero nel resto dell’anno) proprio dello 0,6%.

Numeri che, anche non depurati dalle giornate lavorative (così facendo la crescita quest’anno si fermerebbe a 0,8%) restano meno generosi dell’1% indicato dal Def per il 2024. Per Via Nazionale, se il 2024 si ferma a poco più di mezzo punto percentuale di crescita, le previsioni per il 2025 e 2026 sono da ‘limare’ rispettivamente allo 0,9% (da 1% indicato in aprile) e 1,1% (da 1,2%). Una maggior prudenza motivata “principalmente per via delle ipotesi, desunte dai mercati, di tassi di interesse lievemente più elevati”.

Messaggio in codice con cui si accenna al fatto che la Bce (nel cui Consiglio direttivo la Banca d’Italia ha un suo rappresentante nella figura del Governatore), pur avendo appena tagliato i tassi, ha smorzato gli entusiasmi per una ‘svolta’: nei prossimi mesi potrebbero esserci delle pause. Inducendo gli investitori a quasi escludere un nuovo taglio a luglio, e concentrare le proprie aspettative per una prossima riduzione solo a settembre, e poi magari a dicembre.

È lo scenario d’inflazione peggiore del previsto a dettare la cautela della Bce, la stessa che ieri ha manifestato la Fed anticipando un solo taglio dei tassi per un 2024 che doveva essere l’anno di continue riduzioni del costo del denaro.

Banche centrali in assetto ancora restrittivo, dunque, che assieme alla forte turbolenza politica in Francia con le elezioni parlamentari anticipate, deprime le Borse (Milano chiude a -2,18%, Parigi e Francoforte si avvicinano a -2%) riportando oggi lo spread btp-bund poco sotto i 150 punti base (147 in chiusura) e quello Francia-Germania a 70, ai massimi dal 2017.

Proprio i tassi d’interesse che faticano a scendere manderanno in negativo gli investimenti (da +0,9% di quest’anno a -0,2% del 2025 e -0,3% del 2026 nelle stime di Bankitalia), anche se il fattore chiave è la stretta ai bonus edilizi che provocherà una “marcata contrazione degli investimenti in costruzioni” attenuata solo in parte dagli investimenti pubblici del Pnrr.

La crescita, dunque, verrebbe ad essere trainata dai consumi che, dopo la caduta nel 2022 e 2023 a causa dell’inflazione alle stelle, tornerebbero a crescere nel corso del 2024 (0,2%) e oltre l’1% nel 2025 e 2026 grazie alla bassa disoccupazione (rivista in meglio per il biennio 2024-2025 a 7,3% da 7,5% di aprile). E poi c’è l’impulso dell’export, che Bankitalia migliora a +2,3%, +3% e +3,2% nel triennio 2024-2026 ma con un caveat: “i rischi per la crescita sono orientati al ribasso e derivano dalla possibilità che l’accelerazione degli scambi internazionali sia più contenuta e graduale di quanto atteso e che la dinamica degli investimenti si indebolisca in misura maggiore”.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.