Il Think Tank quotidiano dove la classe dirigente si confronta sulla Ripartenza

Giorgio Moretti

Giorgio Moretti

Nato nel 1961, Giorgio Moretti, mentre studia Medicina, materia in cui poi si laurea, fonda nel 1982 Quasar, una piccola società specializzata nell’informatica per la sanità che darà origine al percorso di Dedalus, dal 1985 concentrata sui software finanziari. Nel 1990 costruisce una Joint Venture con Datamat (grande società nazionale operante nel campo dell’ICT per il settore bancario, della difesa e dello spazio) per lo sviluppo del prodotto che diventerà di maggior successo per il mercato degli intermediari finanziari e società di gestione del risparmio. Dal 1996 avvia il processo di MBO di Datamat che si chiude con l’acquisto nel 1998 da parte di Banca di Roma insieme ai soci fondatori e al fondo di Private equity 3i, al tempo il più grande PE europeo. Nel 2000 ne segue il processo di quotazione. Dal 1998 al 2005 è Consigliere Delegato per il settore Banche e Finanza, una divisione di 850 dipendenti che opera in Italia ed in alcuni paesi esteri con circa 100 milioni di ricavi. Nel 2005, insieme ai soci storici, segue la cessione di Datamat a Finmeccanica e subito dopo promuove l’MBO di Dedalus interrompendo 20 anni di attività professionale nel mondo delle banche e della finanza e tornando all’origine del percorso: l’informatica clinico-sanitaria. Dal 2006, gestisce l’espansione nazionale ed internazionale di Dedalus come Presidente ed Amministratore Delegato anche grazie alla collaborazione di vari Fondi Private equity, che nel tempo si susseguiranno con caratteristiche e geografie diverse, nel percorso per l’acquisizione di oltre 50 società fino all’acquisto di Noemalife nel 2016, anno in cui l’azienda diventa leader in Italia e co leader in Francia. Dal 2016, insieme all’attuale co-azionista di Dedalus, Ardian, divenuto il più grande Private Equity europeo, imposta una strategia tesa a costruire il campione europeo del settore. Nel 2018 assume il ruolo di Presidente Esecutivo del Gruppo Dedalus, rilasciando le cariche operative nelle diverse società nazionali e dedicandosi allo sviluppo prodotto ed alle attività di M&A internazionali. Nel 2019 conclude l’acquisto delle attività omologhe di AGFA, società multinazionale belga, e nel luglio 2020 firma un accordo binding per l’acquisto del settore analogo di DXC, società multinazionale americana ed uno dei grandi system integrator mondiali. Dopo le varie operazioni sotto la conduzione di Giorgio Moretti, Dedalus è una realtà passata da 80 dipendenti in Italia a 5.500 dipendenti in 40 paesi, di cui 2.000 in R&D; da 7 milioni a 700 milioni di ricavi e con molti primati: è in assoluto la prima azienda in Europa e prima al mondo al di fuori degli Stati Uniti nei sistemi informativi ospedalieri e diagnostici ed in particolare in Germania, Italia, UK, Francia, Australia e molti altri, con una copertura applicativa unica nel panorama mondiale. È inoltre uno dei rari esempi di costruzione di un asset europeo in uno dei settori strategici mondiali. Dal 2009 al 2017 è stato Presidente, pro bono, della Quadrifoglio SpA - poi Alia SpA - società municipalizzata per la gestione dell’igiene ambientale del comprensorio di Firenze, dove ha guidato la creazione dell’aggregazione interprovinciale delle 5 aziende locali per diventare una realtà da oltre 2400 dipendenti ed oltre 300 ml di ricavi, vincendo la procedura di gara ventennale del valore di 6 miliardi. Nel 2010 promuove la nascita della Fondazione “Angeli del Bello”, di cui è tutt’ora Presidente, costituita tra la Quadrifoglio e l’Associazione Partner di Palazzo Strozzi, che si occupa di volontariato per la cura della bellezza ed il decoro della Città di Firenze: un bellissimo esempio di partenariato pubblico-privato in ambito civico. La Fondazione opera con oltre 3000 volontari a Firenze e ha contribuito a dar vita ad “Associazioni Angeli del Bello” affiliate in molte altre piccole e grandi città.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.