Analisi, scenari, inchieste, idee per costruire l'Italia del futuro

Aumenta in Italia la domanda di auto elettriche, ma mancano le colonnine | L’analisi

La mobilità elettrica continua ad attirare l’interesse dei consumatori europei: cresce la diffusione, con le auto elettriche che a luglio (14,2% del mercato) hanno superato le vetture diesel (12,7%), ma si allarga il gap fra nord e sud, soprattutto nell’infrastruttura di ricarica.

A rallentare la transizione, guidata da Norvegia, Germania, Francia, Svizzera e Regno Unito, sono il prezzo, i tempi di ricarica e l’autonomia delle auto elettriche.

È quanto emerge dalla quarta edizione dello studio eReadiness di PwC Strategy& sulle intenzioni di acquisto di oltre 12.800 guidatori in 18 paesi (7 paesi nella scorsa edizione), che traccia un identikit degli acquirenti di bev: redditi elevati, parcheggi privati e la possibilità di utilizzare più mezzi.

La mancanza di colonnine e la complessità dell’installazione di quelle private posizionano l’Italia come fanalino di coda, insieme alla Spagna, nonostante incentivi fra i più generosi in Europa.

La quota di immatricolazioni di auto alla spina (elettrico+plug-in) ad agosto è stata dell’8,5% (3,8% bev), rispetto a una penetrazione media nei paesi virtuosi superiore al 20%.

Paradossalmente rimane elevata la propensione all’acquisto: il 30% del campione dello studio ha dichiarato interesse ad acquistare una vettura elettrica nei prossimi due anni.

Percentuale che sale al 69% in un orizzonte di cinque anni (59% in Europa).

Nel dettaglio il 66% degli intervistati italiani sarebbe interessato a un bev di segmento C con un prezzo di 30mila euro.

“L’intenzione all’acquisto di veicoli elettrici (Bev e Phev) espressa dai consumatori italiani è in crescita rispetto allo scorso anno e superiore a quella di altri Paesi Europei in cui il mercato dell’e-mobility è decisamente più maturo, come ad esempio in Regno Unito, Francia e Germania.

Le ragioni che scoraggiano i consumatori italiani ad acquistare una vettura Bev o Phev sono, oltre il costo più elevato rispetto alle vetture tradizionali, l’eccessivo tempo di ricarica e l’autonomia limitata della batteria”, spiega Francesco Papi, Partner di Strategy& e Automotive leader di PwC Italia.

L’interesse verso l’e-mobility è confermato anche dall’evoluzione del profilo della domanda, con l’abbassamento dell’età media (45 anni nel 2023 vs.

47 anni nel 2022), del reddito dei proprietari di Bev, e dal calo dei consumatori ancora scettici (28% del campione degli intervistati nel 2023, rispetto al 30% del 2022 e al 36% in Europa).

Rimane significativamente più basso il livello di soddisfazione dei clienti durante l’esperienza di acquisto delle vetture elettriche rispetto a quello degli acquirenti di vetture a combustione interna (33% vs 48%).

“Tra le principali ragioni di insoddisfazione – afferma Papi – spicca la gestione del processo di installazione delle infrastrutture di ricarica privata, specialmente nel caso in cui questo non sia gestito da case costruttrici, dal concessionario o dalle utilities.

Una migliore esperienza in questa fase della customer journey rappresenterebbe un ulteriore volano di crescita del mercato, considerando che il passaparola è il principale elemento ai fini della decisione di acquisto di una vettura elettrica”.

Nel complesso, i proprietari di vetture elettriche sono soddisfatti del prodotto in fase di utilizzo: 3 proprietari su 4 non tornerebbero indietro, citando l’esperienza di guida e i bassi costi di gestione.

Tuttavia, il 26% degli intervistati in Italia, e uno su tre a livello globale, tornerebbero ad una motorizzazione tradizionale, a causa dell’autonomia, dell’elevato tempo di ricarica e delle performance della batteria a basse temperature.

Il canale di acquisto preferito dai proprietari di auto elettriche continua ad essere la concessionaria, ma cresce l’interesse per il canale virtuale, con oltre 7 intervistati su 10 disposti ad acquistare la prossima vettura online guidati da minori tempi di acquisto, praticità e convenienza economica.

Circa un acquirente di elettrico su tre compra infrastrutture e soluzioni di ricarica insieme all’auto.

Inoltre, più del 20% dei consumatori acquista altri servizi e prodotti, come la fornitura di energia rinnovabile, pannelli fotovoltaici e sistemi di accumulo.

In Italia, circa il 72% dei proprietari ricarica le vetture presso la propria abitazione o a lavoro, mentre il rimanente 28% dei clienti si affida alla ricarica pubblica, dato in aumento rispetto a quanto rilevato nel 2022 (25%) per l’apertura del mercato a fasce di popolazione con minore disponibilità di parcheggi privati.

Rispetto ai risultati della precedente edizione, in Italia si evidenzia un leggero incremento nella penetrazione dell’infrastruttura di ricarica pubblica che raggiunge 0,9 punti di ricarica per migliaia di auto circolanti (+0,2 rispetto al 2022), pur rimanendo significativamente indietro rispetto a Paesi come Norvegia (7,6), Svizzera (2,4), Francia (2,4) e Germania (1,7).

Anche la diffusione dell’infrastruttura di ricarica veloce (Hpc oltre i 150kW) evidenzia un gap rispetto agli altri paesi con circa 0,1 punti per km di autostrada rispetto a Norvegia (10,2) e Regno Unito (1,8) o Svizzera, Francia e Germania (1).

In crescita il mercato dell’usato elettrico: circa il 15% dei proprietari (+5 p.p.) di vetture elettriche in Italia hanno comprato una vettura di seconda mano e il 64% sarebbe intenzionato a farlo, ma pesa l’incognita dello stato di salute delle batterie.

A livello globale, tra le 18 nazioni oggetto dello studio, Hong Kong si posiziona come il Paese più maturo per la transizione elettrica, mentre per ultima si posiziona l’Australia con un livello di incentivi pubblici limitato ed un’infrastruttura di ricarica ancora da sviluppare.

A livello Europeo, la Norvegia fa da capofila, la Svizzera si classifica come il secondo Paese per maturità del mercato, mentre Italia, Spagna e Polonia si posizionano ultime, principalmente a causa della scarsa disponibilità di infrastrutture di ricarica pubblica.

SCARICA IL PDF DELL'ARTICOLO

[bws_pdfprint display=’pdf’]

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli ultimi articoli di Riparte l’Italia via email. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza utente.